Perchè vale la pena pubblicare le testimonianze di auto-guarigione?

135
testimonianze auto guarigione

Di testimonianze di guarigioni ne abbiamo lette molte. Alcune grazie allo stile di vita, altre attraverso la fede e la preghiera, molte con un drastico cambio di alimentazione. Il punto è che in realtà non se ne sente parlare abbastanza. Molti mi dicono che non dovrei trattare argomenti delicati come il cancro nel blog, per non infondere false speranze nelle persone che ne soffrono, dati alcuni casi di pazienti oncologici che hanno seguito le cosiddette terapie alternative e sono decedute. Io dico che ne abbiamo sentite fin troppe storie di persone morte di cancro seguendo i normali protocolli medici. Con questo non dico che non servano a nulla e che siano sbagliati in partenza. Intendo dire che, a fronte di alcune storie non andate a buon fine con la medicina naturale, quante storie di esseri umani, amici, parenti, genitori o figli, invece curate con la chemioterapia e che non ce l’hanno fatta? Questo blog nasce con l’intento di informare che i modi alternativi di curare la propria salute esistono, e che in molti casi funzionano. Basta dare una letta alla sezione Testimonianze di guarigione di questo blog per rendersi velocemente conto che più di qualcuno ha superato lo scoglio della malattia grazie ai metodi green, non invasivi, naturali. Insisto nel dire che il nostro corpo, grazie al sistema immunitario, ha una forza che nemmeno ci immaginiamo, che se messa a disposizione della guarigione ci può portare a dei veri e propri “miracoli” per chi ci crede, o guarigioni inspiegabili, che dir si voglia.

Si tratta, in realtà, di assumersi pienamente la responsabilità della nostra salute, del nostro corpo e del nostro spirito. Non è possibile delegare, delegare, delegare sempre, su un tema così importante. Perchè non ci ascoltiamo di più? Cosa vuole indicarci la malattia? SOno convinto, e molti con me, che la malattia (qualcuno la chiama benattia!) non sia altro che una spia d’allarme accesa, stante ad indicare che qualcosa non va. E allora, anzichè cercare di annientarla, spegnerla, sconfiggerla, perchè non cerchiamo di amarla, comprenderla, renderla nostra alleata? Cosa vuoi dirmi, cara malattia? Sono stati versati fiumi di inchiostro su questi argomenti. Il dottor Hamer, la Claudia Rainville, Valdo Vaccaro, Marcello Pamio, Francesco Oliviero, la dottoressa Mereu insegnano. E non sono nemmeno gli unici. Poi, logicamente, ognuno sceglie come curare la propria salute. Questo è pacifico e deve rimanere sempre una scelta soggettiva e da rispettare. Pure io, se lo reputo necessario, posso decidere di recarmi dal medico, piuttosto che in ospedale, ci mancherebbe. Quello che ho a cuore è trasmettere che, sebbene in molti casi sembra che non sia possibile, auto-guarire si può. E mi sembra per lo meno rispettoso della par-condicio, divulgare i casi di chi ce la fa. Sulla mia pelle ho visto che è così, che si può. Ogni giorno conosco persone che ce la fanno, superano scogli, piccoli o grandi che siano e diventano più forti. Perchè non divulgare anche le buone notizie?

SHARE
Consulente in Naturopatia e Consulente Scientifico del Comportamento Alimentare ex art. 2222 e segg. c.c.