Una bocca senza veleni è meglio!

183

Avete mai sentito parlare delle amalgame di mercurio? Esse sono delle otturazioni argentate che venivano applicate nei denti, soprattutto negli anni passati, in caso di carie per colmare le cavità. Tuttavia, pur essendoci una consistente campagna informativa circa la dannosità del mercurio nei nostri denti, ancora diversi dentisti si ostinano ad applicarle anche ai nostri giorni, con una certa nonchalance.

Ma cos’è l’amalgama? E’ un composto misto che è costituito da circa il 50% di mercurio, mentre il restante 50% è formato da argento, rame, zinco e stagno. I dentisti lo usano da 150 anni. Il mercurio è un metallo pesante, tra i più tossici al mondo (secondo solo al plutonio in ordine di non tossicità). Un solo grammo di mercurio può contaminare un lago largo 300 metri, tale da renderlo non più adatto alla pesca, secondo la legge OMS/FAO. Secondo la normativa europea, un grammo di mercurio contamina 20.000 KG di alimenti.

Oltre a numerosi sintomi fisici (danneggiamento delle cellule del cervello e di quelle nervose, indebolimento del sistema immunitario con conseguenti allergie, asma, problemi ai reni, problemi al sistema endocrino, disturbi ormonali, problemi ai reni e al fegato…. ma l’elenco potrebbe durare ancora molto a lungo!!), l’intossicazione da mercurio provoca diversi disagi a livello psicologico. Numerosi, infatti, sono i casi di persone che lamentano disturbi dell’umore, ansia, depressione, stanchezza cronica, etc.

E’ con una diagnosi di intossicazione da mercurio che numerosi malati immaginari ottengono giustizia. Quando sembrava che solo lo psicologo o lo psichiatra dovessero spiegare il perchè dei numerosi mali di un paziente, ecco spuntare la carie curata con l’amalgama”1.

Ovviamente molti odontoiatri e associazioni che li riuniscono negano il problema. Ma sembra più che altro che cerchino di nascondersi dietro ad un dito.

Come si fa a sostenere la NON tossicità del mercurio quando si sa che, al momento dell’acquisto, il materiale “incriminato” da parte del dentista è considerato “innocuo”, mentre al momento della rimozione esso viene trattato come rifiuto speciale da smaltire secondo determinate e precise norme di tutela sanitaria e ambientale? Il paziente potrebbe chiedersi:”..E nei 20 anni che l’ho avuto in bocca come poteva essere innocuo?????”. La sensazione è che si stia parlando di una tematica alla stessa stregua dell’amianto di 30 anni fa. Ci costruivano i tetti delle case con un facilità incredibile salvo poi accorgersi che quel materiale è dannosissimo e da evitare come la peste e quindi rendere obbligatoria la sua rimozione tramite apposite protezioni. Proprio così.. ora l’Eternit (l’amianto) viene rimosso da specializzatissimi “palombari” che si guardano bene dallo sporcarsi o respirare le polveri di amianto!

Ma come può essere innocua una delle sostanze più tossiche al mondo?? Tutti sanno che chi maneggia il mercurio deve stare molto attento a non inalarne o ingoiarne delle sue parti, anche le più minuscole e infinitesimali, data la sua arcinota tossicità. Tutte le mamme del mondo, in caso di rottura degli ormai dismessi e obsoleti termometri in mercurio, si sono premurate di evitare che i propri pargoletti andassero a raccogliere le palline di mercurio uscite dal termometro andato in frantumi.

E per quale motivo, allora, i dentisti ce lo mettono in bocca così a cuor leggero?

A detta loro, il mercurio presente nell’amalgama rimane lì vita natural durante e non si muove dal dente. Impossibile, a detta loro, che si vaporizzi e finisca nel cervello, nei tessuti, negli organi emuntori, etc.

i test effettuati, tuttavia, dimostrano che dopo 20 anni il 70% circa del metallo inizialmente presente nel dente non c’è più. Ciò significa che si è sciolto o vaporizzato ed è stato assorbito dall’organismo, intossicando e creando diversi problemi tra cui disturbi dell’umore.

Testimonianza di Mauro Novelli”2

. notai che a mano a mano che toglievo gli amalgami, immediatamente ottenevo una diminuzione di ansia. La suddetta ansia per me era normale, perché aveva accompagnato tutta la mia vita. Avevo amalgami in bocca dall’età di 7-8 anni. Una tensione emotiva direi, invece di ansia, una frenesia che oggi non ho più..”

… l’eretismo è una delle caratteristiche possibili del mercurialismo. L’individuo con eretismo ha una maggiore suscettibilità mentale, caratterizzata da: irritabilità, scatti di collera, minor capacità di sopportare lo stress, impossibilità a fare più di una cosa alla volta, minore tolleranza a suoni e luci, particolare risentimento alle critiche, insicurezza, timidezza, sentire imbarazzo per cose di poco conto, sensazione di centralità, di essere osservato e dunque di disagio, ansia, indecisione, sogni vividi, diminuzione delle capacità di concentrazione, perdita di memoria, depressione, stato di affaticamento”.

Anche la storia dei cappellai matti è curiosa e meritevole di menzione.

Tutti conosciamo la storia di Alice nel Paese delle Meraviglie e ci ricordiamo del personaggio del cappellaio matto. Questo era un uomo che al giorno d’oggi definiremmo “sclerato” o “fuori di testa”. Ma questo personaggio è ispirato alla realtà. Infatti nell’Inghilterra del XIX secolo, gli operai che lavoravano nella produzione dei cappelli, presentavano diversi disagi psichici. Questi erano causati dal mercurio che si impiegava nell’assemblaggio dei cappelli, utilizzato per evitare il formarsi della muffa. Ovviamente gli operai ne inalavano costantemente grandi quantità e molti tra loro accusavano vari disagi: chi era molto emotivo, chi alternava stati di euforia a stai depressivi, chi rideva sempre, chi piangeva sempre, chi era depresso, chi più violento…

Bene… ti sei spaventato a dovere??

Sappi che dopo tutte queste cattive notizie, arriva la buona notizia. E’ possibile rimuovere in modo sicuro queste ormai famigerate amalgame. E’ sufficiente rivolgersi ad un dentista specializzato in rimozioni protette di amalgami di mercurio. E’ necessario, prima di effettuare i lavori, accertarsi che l’odontoiatra che abbiamo contattato sappia di cosa stiamo parlando e che sia provvisto di tutte le protezioni del caso (diga di gomma, doppio aspiratore, mascherina per il paziente, particolare trapano che non vaporizza completamente l’amalgama ma che consente di spezzarla in blocchetti da rimuovere e smaltire….). E’ consigliabile cercare nella propria città non un dentista qualunque ma un dentista alla tua altezza!! Non è difficile e sempre più sono quelli che si sono sensibilizzati alla tematica.

PS. Aggiungo questa nota integrativa per aggiungere una testimonianza che di recente ho sentito da un signore che conosco. Lui si occupa di insegnare educazione ambientale nelle scuole.

Tra i vari argomenti riguardanti l’inquinamento ambientale e la salvaguardia da questo, mi ha raccontato che la cremazione dei corpi dei defunti è uno delle principali fonti di inquinamento. Perché? Perché i nostri corpi sono inquinatissimi. In particolare, mi diceva, che con la cremazione viene liberato nell’atmosfera moltissimo mercurio derivante dalle otturazioni in amalgama. Non aggiungerei altro.

1Denti Tossici 2, Lorenzo Acerra, Macro Edizioni.

2Testimonianza tratta dal libro Denti Tossici , Lorenzo Acerra, Macro Edizioni.

SHARE
Consulente in Naturopatia e Consulente Scientifico del Comportamento Alimentare ex art. 2222 e segg. c.c.