Troppe proteine portano ad obesità infantile, parola di Berrino

127

Ieri sera sono stato alla conferenza del prof. Franco Berrino a Bassano del Grappa. Come sempre, l’ex medico del Centro Tumori di Milano, ha radunato circa un migliaio di appassionati di alimentazione naturale, nonostante siamo in agosto, nonostante alcuni siano ancora in ferie, nonostante tutto. L’intervento è stato piuttosto breve ma è stato un concentrato di perle interessantissime.

Per chi lo conosce già da tempo, potremmo dire che la conferenza di ieri nella città della Grappa è stata un “bignami” del Berrino-pensiero. Il professore, ha infatti intrattenuto i presenti parlando di glicemiala quale, se alta, sarebbe una della cause principali del cancro – e dei benefici delle verdure nella prevenzione dalle malattie croniche, quelle che maggiormante interessano il mondo occidentale. In generale, ha messo l’accento di come un’alimentazione leggera, prevalentemente vegetale e ipo-proteica sia una conditio sine qua non per mantenerci in salute. Proprio così: uno studio condotto anni fa dal prof. Berrino e dalla sua equipe, ha evidenziato che un eccesso di proteine nella dieta dei bambini, conduce ad un rischio obesità molto elevato. Le proteine sono indispensabili per la vita ma i bambini e gli adulti mangiano circa il doppio delle proteine necessarie” – afferma il medico. Un eccesso di proteine non fa bene alla salute, è uno dei fattori di obesità nei bambini, l’obesità nei bambini è un problema assolutamente drammatico negli Stati Uniti, ma è un problema anche importante qui da noi. La causa principale dell’obesità, dunque, non sarebbe da ricercarsi nei grassi, come generalmente si pensa, ma nelle proteine. “E nonostante ciò, sapete che ci sono queste diete assurde che ti fanno dimagrire con un’esagerazione di proteine, ma queste sono diete che funzionano perché intossicano, non bisogna mai fare queste diete!”, continua Berrino.

“È importante rendere coscienti le amministrazioni comunali, le A.S.L., il corpo insegnante, le ditte di ristorazione e i bambini stessi che stiamo sbagliando il cibo che gli diamo. bisogna lavorare con i genitori perché spesso il primo ostacolo sono proprio i genitori che quando si riduce la carne per esempio nella mensa scolastica. Noi medici in particolare abbiamo trasmesso questa immagine che la carne è comunque un alimento molto importante per la crescita dei bambini, cosa che non è vero. Bisogna lavorare contemporaneamente con gli insegnanti perché è sufficiente che l’insegnante storca il naso quando arriva qualcosa di nuovo, quando arriva un prodotto per esempio a base di cibo vegetale. Nel menù dei bambini c’è un cibo animale tutti i giorni, o carne rossa o carne bianca, o uovo o formaggio o pesce, e spesso più cibi animali nello stesso pasto. Invece no, invece bisognerebbe seguire anche con i bambini le raccomandazioni dell’Oms che l’alimentazione deve essere prevalentemente basata su cibo di provenienza vegetale, va benissimo che ci sia del cibo animale, è bene che ci sia, ma non tutti i giorni, anche perché comunque i bambini poi lo mangiano tutti i giorni o quasi anche a casa”.

Parola di Berrino.


Fonti:
http://www.guidagenitori.it/la-crescita/alimentazione/15303-troppe-proteine-nel-piatto-rischio-obesita/
https://blog.prevenzioneatavola.it/2015/05/08/consumo-proteine-berrino/