Supera la depressione grazie ai Fiori di Bach

164
Businessmen and Clock

Questa testimonianza è, a mio avviso, molto importante, in quanto molte persone soffrono di depressione più o meno grave, molte più di quello che si possa immaginare. Infatti, chi soffre del “male oscuro” esternamente può apparire felice, anche se ha la morte dentro e non dare nell’occhio. Anzi, la maggior parte delle volte accade proprio questo, in quanto chi ne soffre lo vuole nascondere e da fuori non si nota nulla di strano. D’altra parte, a differenza dei disagi fisici, che possono essere visibili chiaramente – pensiamo ad una psoriasi – o meno chiaramente, ma comunque riscontrabili – pensiamo ad un tumore che non si vede dall’esterno, ma si può immortalare tramiti esami clinici – i disagi della psiche sono “invisibili” e, a meno che il depresso non cominci a confidare il suo problema, le persone che gli stanno incontro potrebbero anche non accorgersi del suo stato d’animo anche per anni.
Ho a cuore questa tematica e ci tengo a divulgare le testimonianze di chi ce l’ha fatta a sconfiggere questo “morbo” che non si vede, ma che divora dall’interno. Graze a Dio, sono molti i casi di guarigione da depressione, alcuni anche famosi, come il monaco vietnamita Thich Naht Hanh (clicca qui per la sua testimonianza) e il cantautore Tiziano Ferro (clicca qui per la sua testimonianza). Abbiamo già scritto un post in passato, sostenendo che la depressione sia solo un sintomo di qualche cosa che non va e che non occorre vederla come una malattia incurabile e solo controllabile tramite farmaci, ma come uno stato temporaneo che ci segnala un’incongruenza nel nostro stile di vita, nelle nostre abitudini, nei nostri pensieri, nelle nostre relazioni.

Questa persona è guarita dalla depressione grazie all’utilizzo di Fiori di Bach, che gli hanno permesso di eliminare l’assunzione di psicofarmaci.

Ecco qui la sua testimonianza di auto-guarigione tratta da: http://terapiafloreale.blogspot.it/2012/07/depressione-la-guarigione-con-i-fiori.html

questa è la bellissima storia di un uomo che ha cercato di curare per anni la sua depressione con i farmaci e che ha trovato la guarigione grazie ai fiori di Bach:


“Salve a tutti,
su richiesta di Cristiana ho deciso di raccontarvi in breve il mio percorso di guarigione, ma soprattutto di crescita interiore, che è avvenuto con i rimedi floreali.
Io e Cristiana pensiamo che la mia testimonianza possa essere di esempio per le persone che soffrono di depressione e che non riescono a guarire.
Comincerò raccontandovi che 3 anni fa sono stato ricoverato in ospedale psichiatrico per un forte stato depressivo; oltre allo stato d’animo completamente negativo e inerme, avevo una paura folle di poter fare del male ai miei familiari.
Ogni giorno sopraggiungevano nella mia mente pensieri di suicidio e il terrore di poter agire con violenza verso mio figlio.
Il mio psichiatra, dal quale ero in cura ormai da qualche mese, ha deciso di agire con un ricovero e con una pesante terapia farmacologica.
Sono rimasto in ospedale 4 mesi, poi sono dovuto tornare alla dura realtà:
una moglie possessiva che non mi lasciava respirare, che mi teneva sotto controllo da tutta la vita a causa di alcuni suoi timori infondati che io potessi abbandonarla, e che ha peggiorato questo atteggiamento quando ho cominciato a non stare bene.
Un figlio che si preoccupa costantemente per me e che cercava di spronarmi ad agire secondo i suoi punti di vista.
Insomma, una situazione, ora che ne sono consapevole, che non lasciava spazio al mio carattere già debole, e che infieriva sui sensi di colpa che provavo per tante cose fin da quando ero adolescente.
Mi sentivo un peso per i miei familiari; desideravo altro per me stesso, ma il senso del dovere nei loro confronti mi impediva di agire, mi scoraggiavo, e più mi sentivo depresso, più si alimentava il senso di colpa nei loro confronti per non poter essere un marito, un figlio, un padre forte e sicuro di sé.
Un giorno, mentre ero in farmacia a Novara che attendevo il mio turno, ho letto una brochure sulla floriterapia e ho chiesto alla commessa informazioni.
C’era la possibilità di fare un colloquio con la floriterapeuta che veniva presso la farmacia Nigri tutti i giovedì pomeriggio e, se avessi voluto, avrei potuto cominciare ad assumere i famosi fiori di Bach di cui avevo già sentito parlare altre volte da alcuni amici e che Cristiana mi avrebbe consigliato a seguito del nostro incontro.
Ho deciso, allora, di provare e di prendere appuntamento.
Che dire, mi sono sentito compreso da subito; ho trovato una persona che ti ascolta e che cerca di capire insieme a te le cause del tuo malessere.
Oltre ai fiori di Bach per la depressione e per infondermi coraggio e sicurezza in me stesso, Cristiana mi consigliò di cambiare alcune semplici cose della mia vita:
– il colore delle pareti del soggiorno indicandomi colori caldi: ARANCIO, GIALLO
– l’abbigliamento, che doveva seguire lo stesso principio
– prendermi cura del mio aspetto fisico

e, siccome avevo ormai perso il lavoro, mi spronò a non restare a casa a inviare curriculum, ma ad andare a parlare direttamente con gli interessati. Questo doveva servire anche a tenere occupata con altro la mia mente e a cominciare a fare qualcosa di buono per me stesso.
Bene, ora sono 6 mesi che assumo i meravigliosi fiori che Cristiana mi consiglia durante il nostro incontro mensile.
Quando ho cominciato da lei, andavo dallo psichiatra che mi prescriveva questa cura:


PEPTAZOL 20MG CPR 1 AL MATTINO A DIGIUNO
ANAFRANIL RP 75MG CPR 1 AL MATTINO, POMERIGGIO E SERA
TAVOR ORO 1 MG CPR 1 AL MATTINO
RIVOTRIL 0,5MG CPR 1 AL POMERIGGIO E SERA

Ora assumo solo una compressa di Tavor al mattino e continuo a prendere i fiori.
Quello che posso dire è che molte cose della mia vita sono cambiate in questi pochi mesi: mi sento più energico, più sicuro di me, più spontaneo nei confronti dei miei familiari con i quali ho cominciato anche a farmi valere, a dire la mia su ogni situazione senza essere più succube dei loro atteggiamenti, i quali hanno seguito il mio cambiamento perché non mi disturbano più come prima.
Ho trovato un impiego che mi tiene occupato per qualche ora al giorno e ho nuovi progetti in mente.
Sono sicuro di aver ormai superato gli anni bui della mia vita e di essere cresciuto in ogni mio aspetto, come uomo, come padre, come figlio.
Quello con i fiori di Bach è un percorso di crescita personale oltre che di guarigione e non finirò mai di ringraziare questi benedetti rimedi che la natura ci ha dato, oltre che Cristiana per essere una terapeuta accogliente e attenta ai bisogni degli altri, proprio come dovrebbe essere ogni medico che ha a che fare con la salute mentale o fisica delle persone.”

SHARE
Consulente in Naturopatia e Consulente Scientifico del Comportamento Alimentare ex art. 2222 e segg. c.c.