Perchè dovresti ammirare il tramonto tutte le sere

207
sunset tramonto

Negli ultimi mesi ho scelto di ammirare il tramonto tutte le sere. In un certo senso è una scelta di vita, ho scelto di farlo. Ho deciso di dedicare maggior tempo a ciò che mi fa stare veramente bene, a discapito di ciò che mi usura lentamente. Per il momento va benissimo così. E così, ho scelto di vivere a stretto contatto con la natura e appena il sole comincia a scendere, mi reco in spiaggia se posso, o comunque cerco di guadagnare una favorevole visuale per assisetere allo show di Madre Natura. In questo momento mi trovo in Andalusia dove chi la fa da padrone sono le colline, le spiagge, le mucche e, appunto, i tramonti. Mi rendo conto che Essa ci dona ogni giorno degli spettacoli meravigliosi che, per un motivo o per l’altro, non siamo in grado di contemplare. Sono convinto che ammirare l’alba ed il tramonto sia un diritto sacrosanto di ogni essere umano. Tutti gli animali in natura lo possono fare, noi no, perché non “possiamo”, o – meglio – perché non vogliamo. Molti di noi fanno una vita che di naturale ha ben poco. Viviamo nelle città e molto spesso, oltre ad essere del tutto estraniati dal contesto naturale, non abbiamo la concreta possibilità di ammirare il cielo – ammesso che la coltre di smog lo permetta – a causa delle costruzioni, delle abitazioni, i palazzi che lo coprono. Anziché svegliarci al sorgere del sole, ci svegliamo perché un orologio digitale ci intima a farlo, ci dirigiamo verso la nostra automobile, dentro la quale forse trascorreremo un paio d’ore o più del nostro tempo ogni giorno, per recarci a lavoro dove, come minimo, trascorreremo 8 ore, per tornare a casa piuttosto esausti, con tutte le faccende domestiche da sbrigare e senza considerare tutte le bollette, tasse da pagare, i pensieri e così via.
Mentre scrivo mi trovo nella tenda che da ormai dieci giorni mi sta ospitando e mi permette di vivere un’esperienza 100% naturale nella campagna andalusa, dove le giornate trascorrono lente e ad un ritmo veramente umano. Tutto ciò mi aiuta a meglio comprendere cosa il Creatore ha in realtà serbato per noi. Non le rumorose, stressate e stressanti città che ci permettono sì, di guadagnare soldi, ma a quale costo? I tramonti. Non possiamo più ammirare i tramonti. Il tramonto, in questo articolo, lo voglio usare come l’ambasciatore di tutti i doni di Madre Natura per noi: il tramonto, l’alba, il cielo, il mare, i monti, gli uccelli, gli animali, le rane, i pesci, gli insetti, le formiche, le farfalle, i ragni, le mucche, i cani, i gatti, l’erba, i prati, la sabbia, i sassi. E l’essere umano. Quello che sa realmente essere umano.
Credo anche che ammirare un tramonto sia impagabile. L’emozione che ti da quella luce arancio tendente al rosato non ha paragoni. Il giorno che finisce, non c’è più spazio per i se e per i ma. Questo giorno se ne va e non servono a nulla i rimpianti. Domani sarà un altro giorno per emozionare, per sognare, per vivere ancora.

Ammirare il tramonto è sicuramente terapeutico. In realtà anche in città è possibile farlo: basta solo stoppare per qualche minuto le nostre attività per cercare uno scorcio, forse tra un tetto e l’altro, da cui poter ammirare il sole che se ne va. Vediamo in cosa consiste la terapia.
Effetti che si legano in parte alla cromoterapia, ovvero agli effetti benefici che hanno i colori sul benessere mentale e fisico delle persone. Un tema approfondito dal The National Center for Biotechnology Information e così il rosso acceso del tramonto, capace di rendere unica la cornice di una serata romantica o meno pesante l’inizio di una settimana caotica, diventa importante per l’umore delle persone. Secondo la cromoterapia, i colori aiuterebbero il corpo e la psiche a ritrovare il loro naturale equilibrio, e avrebbero effetti fisici e psichici in grado di stimolare il corpo. Il rosso vivo di un tramonto mozzafiato diventa così una medicina naturale, capace di trasmettere emozioni positive alle persone.
“Per gli italiani il tramonto è un momento molto atteso perché solitamente corrisponde alla fine degli impegni e dei doveri della giornata – afferma la dott.ssa Ilaria Paoli, psicologa e psicoterapeuta – Inizia così la fase di rilassamento. È il momento in cui una persona può tornare ad occuparsi di sé. I fenomeni naturali come l’alba e il tramonto provocano in generale uno stato di benessere, ma soprattutto un cambiamento a livello del funzionamento biologico, per cui un’attivazione dei sistemi cerebrali inibisce pensieri angosciosi e emozioni negative e aumenta la disponibilità di energia. Il tramonto è caratterizzato da tantissime sfumature del colore rosso, che trasmettono forti sensazioni di calore emotivo, passione, e amore romantico”.

La tecnica della contemplazione del sole
Del resto c’è chi pratica da anni il sun gazing, ovvero la contemplazione del sole. La tecnica della contemplazione del sole è nota a moltissime culture antiche, dai maya, ai nativi americani, ai greci, agli egiziani. In India, comparve oltre duemila anni fa con gli insegnamenti di Mahavira, il fondatore del jainismo. È tornata in auge in anni recenti grazie a Hira Ratan Manek un indiano che, praticando il Sun Gazing, ha praticato lunghi digiuni, durati anche oltre un anno.

La tecnica è molto semplice, benché richieda una certa regolarità. Bisogna guardare il disco solare nella prima ora dopo l’alba o nell’ultima ora prima del tramonto per un periodo che va da 10 secondi (il primo giorno) a 44 minuti, aumentando la contemplazione di dieci secondi al giorno.
Mentre si contempla bisogna stare all’aperto, a piedi nudi sulla nuda terra (né cemento, né erba, terra, pietra, fango o sabbia). Anche se il cielo è coperto si prosegue, guardando fisso dove si indovina il sole dietro alle nuvole (dopo un certo periodo se ne vede la sagoma rotonda). Non occorre concentrarsi sul sole o fissarlo con accanimento: state rilassati, guardatelo e basta, lasciatevi andare. Il grande segreto è lasciarsi andare.

10 straordinari benefici del sun gazing:

  1. Accresce il livello di melatonina e serotonina
  2. Migliora la qualità del sonno
  3. Contrasta la fatica
  4. Favorisce la memoria dei sogni
  5. Aumenta le dimensioni della glandola pineale
  6. Favorisce il sogno lucido
  7. Migliora la vista
  8. Potenzia l’energia
  9. Attenua la depressione stagionale
  10. Migliora la salute endocrina
Ti basta? Dai che aspetti, questa sera vieni a contemplare il tramonto!


Fonti:
https://www.huffingtonpost.it/2017/08/29/guardare-il-tramonto-destate-una-medicina-naturale-ecco-perche_a_23188973/
https://www.ilgiornaledelloyoga.it/sun-gazing

SHARE
Consulente in Naturopatia e Consulente Scientifico del Comportamento Alimentare ex art. 2222 e segg. c.c.