Messi, Demichelis e Acosta: la dieta anti-infortunio dei tre campioni di calcio

217

Essere un calciatore professionista richiede un costante e duro allenamento, una mentalità positiva e vincente, una costanza nel lavoro quotidiano che alla lunga porta risultati agonistici di rilievo. Tutto ciò non basta. Ovviamente ci vuole anche tanto talento. Tutto qui? In realtà a questo mix manca un ingrediente vincente, che permette di fare il salto di qualità.Acquista Online su SorgenteNatura.it Mi riferisco all’alimentazione giusta. Cosa dovrebbe mangiare un calciatore per migliorare le proprie prestazioni? Non lo so. Di diete per gli sportivi ce ne sono diverse e, probabilmente non ne esiste una migliore e valida per tutti. Forse occorre vedere il problema da un punto di vista soggettivo ed inviduale. Ognuno di noi è unico ed irripetibile e quindi ognuo dovrebbe individuare da se l’alimentazione adatta a lui.
Una cosa, tuttavia, accomuna tre grandi campioni del firmamento calcistico internazionale. Lionel Messi, Martin Gastòn Demichelis e Lautaro Acosta, sono i tre calciatori argentini che hanno modificato il proprio stile di vita e la propria alimentazione grazie al medico italiano Giuliano Poser, ottenendo risutlati strepitosi in termini di benessere ma, soprattutto, di minori infortuni. Da quando ha adottato questa dieta,  dopo i mondiali 2014, la “Pulce” ha saltato per infortunio solo due partite. Prima di incontrare Poser, specialista in medicina dello sport, il cinque volte Pallone d’Oro argentino aveva subito, dal 2006 alla prima metà del 2014 ben nove lesioni muscolari.
Leo Messi era stato indirizzato a Poser da Martin Demichelis altro giocatore argentino, che ha fatto la sua fortuna al Bayern Monaco, il quale a sua volta aveva ottenuto grandi vantaggi dal tipo di dieta impostato dallo specialista italiano.
Sicuramente meno titolato del suo stratosferico collega Messi, è Lautaro Acosta. Tuttavia, da quando ha scelto il medico di Sacile (PN) per farsi impostare una dieta ad hoc, il calciatore argentino ha conosciuto il periodo più brillante della sua carriera. “Mi ha rimesso al mondo”, afferma Acosta a FoxSport. Quando giocava in Spagna, a Siviglia, mangiava troppo prosciutto e, infatti, le prestazioni ne risentivano parecchio e, in quel periodo, non ha certo brillato nella Liga spagnola.

 


Ora ha ritrovato la sua dimensione, tornando in Argentina al Lanus, dove ha ritrovato la Nazionale albiceleste, oltre ad aver ritrovato sè stesso trascinando la sua squadra in finale di Coppa Libertadores (l’equivalente sudamericano della Champions League europea), poi persa in finale contro i brasiliani del Gremio.
Appare evidente che la dieta di Poser abbia contribuito in maniera determinante al successo di questi campioni. Messi ha saltato due sole partite per infortunio in 4 anni, Il già citato Demichelis si è ritirato lo scorso maggio, ma il suo ultimo infortunio risaliva al 2013. Acosta, ai tempi del prosciutto di Siviglia, trascorreva intere giornate in infermeria dal suo ritorno in Argentina non si è più infortunato. Il merito è senza dubbio dell’alimentazione.

Ma cosa mangiano questi campioni?
Alla base dell’impostazione alimentare di questi calciatori  c’è acqua, olio d’oliva, cereali integrali, tanta frutta e verdura biologica. Da evitare zucchero e farine raffinate, mentre sale e carne vanno bene, anche se solo nella giusta quantità. E poi le cure naturali: omeopatia e kinesiologia su tutte. Importantissimo cibarsi di alimenti biologici:
A tutti gli atleti viene consigliato di:
– Eliminare l’assunzione di cibi contenenti conservanti, pesticidi, anticrittogamici, glutammato sodico, aspartame, grassi saturi, grassi vegetali idrogenati, ecc.
– Assumere preferibilmente alimenti provenienti da agricoltura biologica e lavorati in maniera naturale.
– Eliminare o comunque ridurre l’assunzione di saccarosio, alcool, lattosio, lieviti e farina di frumento raffinata (alimenti risultati con maggior frequenza “non tollerati” dal nostro gruppo di lavoro).
– Eliminare per lunghi periodi, singolarmente, gli alimenti che risultano “non tollerati” al test kinesiologico mensile (latticini, farina di frumento, carne di maiale, carne bovina, crostacei, solanacee, xantine, uova).

I calciatori non sono gli unici clienti del dottor Poser, il quale da oltre vent’anni lavora a stretto contatto con sportivi che praticano discipline diverse. Dallo sci di fondo al ciclismo, dal beach volley al calcio. Ad esempio, laa campionessa del beach volley Laura Cavalluzzi ha chiesto consiglio al dottor Poser per guarire da un problema alla spalla che poteva compromettere la sua attività sportiva. Il responso del medico: via un dente (probabilmente devitalizzato ed infetto Ndr) e il dolore passa. Detto, fatto. Il dolore è scomparso completamente nel giro di un anno. In più, Poser le ha suggerito di eliminare i latticini dalla sua dieta. Perché la Cavalluzzi soffriva di un’intolleranza di cui non era a conoscenza. Anche qui, bersaglio centrato.Anche Fabio Rossitto, ex giocatore dell’Udinese Calcio, oggi parla di lui in termini entusiastici: “Sono stato anche io suo paziente – ha fatto sapere Rossitto alla testata online ilfriuli.it – è un luminare, uno che ha delle intuizioni che altri non hanno. E’… come dire… avanti anni luce rispetto alla medicina di oggi, riesce a capire delle cose che altri non capiscono, ha delle intuizioni, a livello metabolico e di prevenzione infortuni, incredibili”.


Fonti:
https://www.foxsports.it/2017/11/03/nutrizionista-messi-conquista-acosta-dieta-pulce/https://www.panorama.it/sport/calcio/chi-e-giuliano-poser-messi-medico-pordenone-sacile/