La pasta che fa dimagrire! Sembra pasta e invece non lo è…

294

La pasta che fa dimagrire! Sembra uno slogan pubblicitario per una cura dimagrante, e invece…. è la ricetta di un piatto al tempo stesso semplice e gustosissimo, preparato interamente con verdure crude. Pochissimi ingredienti, completamente naturali, nel vero senso del termine… potremmo dire “appena colti dall’orto”!

Per quale motivo dovremmo mangiare questa “finta pasta”, anziché gustare la normale pasta di grano?

Beh i motivi sono più di uno!

Innanzitutto, questo piatto è crudo, non è cotto. Gli americani lo chiamano raw food, il cibo crudo. Gli ingredienti, dunque, non sono sottoposti a cottura e quindi le proprietà organolettiche restano intatte. Sarà, quindi, possibile assimilare un maggior numero di vitamine, sali minerali ed enzimi, in modo tale da sostenere pure un minor costo digestivo.

In secondo luogo, questo piatto è ipocalorico, quindi adatto ad un regime in cui non si vuole incamerare calorie in eccesso con i carboidrati della pasta.

Inoltre, questa ricetta è gluten free, ossia naturalmente priva di glutine, quindi adatta ai celiaci, ma benefica anche per chi celiaco non lo è. Il glutine, infatti, a mio avviso, andrebbe evitato da tutti.

E ancora, gli spaghettini al pomodoro sono un piatto estremamente alcalinizzante, ossia hanno il potere di innalzare il ph dell’organismo, permettendoci di allontanarci da una situazione di acidosi.

Sono molti i benefici nel gustare un piatto come questo, come avete potuto vedere.

Anche per quanto riguarda i grassi, abbiamo buone notizie. I grassi presenti nell’avocado sono prevalentemente monoinsaturi. La percentuale, invece, dei grassi saturi è molto bassa. Anche nell’olio d’oliva denocciolato sono presenti principalmente grassi monoinsaturi.

Questa ricetta può benissimo essere inserita nell’ambito di un’alimentazione disintossicante. Il crudismo, o raw food, è particolarmente indicato per chi vuole depurare l’organismo dalle tossine, eliminando temporaneamente il cibo cotto, in modo da permettere al sistema di disintossicarsi.

Gli spaghettini di verdure sono un piatto interamente, crudo, senza carboidrati, senza glutine ideale per chi vuole mantenere la linea, per chi segue una dieta crudista o fruttariana e per chi vuole sperimentare nuovi gusti e nuove emozioni 🙂

Ultimo, ma non ultimo, il motivo forse più importante per scegliere il crudismo…. questo piatto è completamente cruelty free. Nella sua preparazione non sono stati usati prodotti di origine animale. Si po’ dire che è cruelty free anche verso il mondo vegetale, in quanto tutti gli ingredienti, derivano da frutti di piante, le quali non vengono uccise, ma lasciate in vita. Ci si limita solamente a prenderne i frutti che offrono.

Questa filosofia, a mio parere, è il massimo del rispetto della vita nel senso più ampio.

Ecco la ricetta per 2 persone, semplice e veloce, oltre che gustosa!

INGREDIENTI:

  • 2 cetrioli (o due zucchine);

  • 1/2 avocado;

  • 5 pomodori piccadilly;

  • 6 pomodori secchi;

  • qualche foglia di basilico;

  • olio EVO (meglio se denocciolato).

ATTREZZATURA RICHIESTA:

  • 1 pelapatate;

  • 1 Spiromat (per fare la verdura a spaghetto);

  • 1 frullatore.

Procedura:

Pelare i cetrioli o le zucchine e spiralizzarle con Spiromat o attrezzo simile (ce ne sono vari sul mercato). Metterle in una terrina, e se si vuole, marinarle qualche ora con un po’ di sale e olio (non è obbligatorio. Se si vuole mantenere gli spaghettini più voluminosi e croccanti non marinarli!).

Mettere nel frullatore l’avocado, i pomodori piccadilly, i pomodori secchi, 3 foglie di basilico e olio q.b. e far girare per qualche secondo fino a che il preparato raggiunge una consistenza cremosa. Se si sono marinate le verdure spaghettizzate, scolare l’acqua rilasciata dalla marinatura. Aggiungere la preparazione alle verdure precedentemente spiralizzate. Guarnire con qualche foglia di basilico. Il sale non è necessario, essendo già presente quello nei pomodori secchi. Chi volesse, può aggiungerlo. Chi preferisce, invece, può eliminare quello presente nei pomodori secchi semplicemente ammollandoli per qualche ora e poi scolare l’acqua.

Il risultato è strabiliante! Sembrerà a tutti gli effetti un piatto di pasta e non di verdure crude!

PROVARE PER CREDERE!

BUON APPETITO!

SHARE
Consulente in Naturopatia e Consulente Scientifico del Comportamento Alimentare ex art. 2222 e segg. c.c.