I benefici del latte d’oro

198

Il latte d’oro, meglio conosciuto come golden milk è un antico rimedio tramandato per millenni dall’ayurveda, la medicina tradizionale utilizzata in India fin dall’antichità, diffusa ancora oggi nel sub-continente più della medicina occidentale. E’ una bevanda da sempre consigliata dagli yogi, per i suoi effetti di incredibile portata sul corpo.

Il miracolo della curcuma
L’ingrediente principale del latte d’oro è la curcuma (Curcuma longa), una pianta che appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae. Oltre ad essere un  potente antiossidante e antinfiammatorio, svolge anche un’azione depurativa, coleretica e colagoga, utili per il fegato e la colecisti. Per le sue proprietà benefiche e curative la curcuma è tradizionalmente impiegata sia nella medicina ayurvedica, che nella medicina tradizionale cinese, in particolare è utilizzato come integratore alimentare naturale per la capacità di contrastare i processi infiammatori all’interno dell’organismo.


Il principio attivo più importante è la curcumina, che recenti studi hanno dimostrato avere proprietà antitumorali, perché capace di bloccare l’azione di un enzima ritenuto responsabile dello sviluppo di diversi tipi di cancro. Questo principio attivo conferisce alla curcuma anche un’azione antinfiammatoria e analgesica, e per questo motivo è impiegata efficacemente nel trattamento di infiammazioni, dolori articolari, artrite e artrosi.
Riconosciuta anche come potente antiossidante, la pianta è in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento e di danneggiare le membrane delle cellule che compongono il nostro organismo.
A livello topico la curcuma svolge un’azione cicatrizzante. In India infatti viene applicato il rizoma sulla cute per curare ferite, scottature, punture d’insetti e malattie della pelle con risultati veramente soddisfacenti.
Acquista Online su SorgenteNatura.it
Il ruolo del pepe nel golden milk
Il pepe è essenziale perchè aumenta la biodisponibilità del principio attivo della curcuma che è la curcumina e le sue proprietà benefiche. Per rendere maggiormente assimilabile si associa anche un olio (olio di mandorle o di cocco).

Quali sono gli ingredienti del golden milk?
La ricetta originale del golden  milk prevede l’utilizzo del latte vaccino, della curcuma, del pepe e dell’olio di cocco. Tuttavia, per gli intolleranti al latte di mucca o per i vegani, il latte d’oro può essere preparato con una bevanda vegetale, come il latte di mandorla o di riso o di soya. Gli ingredienti sono i seguenti:

  • 1 cucchiaino di olio di cocco o olio di mandorle dolci
  •  1 cucchiaino di curcuma
  •  pizzico di pepe nero, meglio seappena macinato
  • 1 tazza di latte vaccino crudo o bevanda vegetale (riso, avena, mandorla ma non soia)

Preparazione
Versa in un pentolino il latte, la curcuma e il pepe nero. Porta quasi ad ebollizione: quando scotta e sta per formare le bollicine spegni la fiamma. Versa nella tazza e aggiungi l’olio di cocco. Mescola bene, fai intiepidire e bevilo ancora caldo.

Un appunto sul latte
Negli ultimi anni, per effetto delle intolleranze e per una crescente sensibilità nei confronti degli animali, il consumo di latte vaccino è stato in parte sostituito dalle bevande vegetali (riso, quinoa, avena, soya, nocciola, mandorla, etc). Va fatta una precisazione. Tralasciando per un momento le argomentazioni di carattere etico, attraverso le quali si conclude senza alcun dubbio, che il consumo di bevande vegetali sia migliore rispetto al latte per quanto riguarda il rispetto degli animali, il discorso è differente se guardiamo al latto prettamente nutrizionale. Sotto questo aspetto, le bevande vegetali presentano un valore nutritivo pressochè nullo, consistendo esse in acqua con delle percentuali relativamente basse di cereale, che comunque è pastorizzato. Anche il latte vaccino industriale e pastorizzato è da considerarsi un “cibo morto”, e su questo abbiamo pochi dubbi. Esiste una terza opzione, ovvero il latte crudo. Ne abbiamo parlato in questo post. Non credo sia un caso che per millenni, gli yogi indiani abbiano consumato il latte di mucca senza pastorizzarlo, allo stato crudo, così appena munto. E non è nemmeno un caso che in India la mucca sia considerata un animale sacro.

Detto questo, ognuno farà le sue scelte. Buon golden milk a tutti!

Informazioni tratte dai seguenti siti:
http://www.cure-naturali.it/curcuma/3127
https://www.dionidream.com/lantica-ricetta-del-latte-doro/
https://www.verobiologico.it/golden-milk-latte-doro-alla-curcuma/

SHARE
Consulente in Naturopatia e Consulente Scientifico del Comportamento Alimentare ex art. 2222 e segg. c.c.