COME SONO GUARITO DALLA CONGIUNTIVITE ALLERGICA IN MODO DEL TUTTO NATURALE

200

Questo blog, si è detto, ha come scopo principe quello di dare delle buone notizie a chi legge. L ‘obiettivo vuole essere quello di dare una speranza in più a chi ha sete di conoscenza. Chi ha orecchie per intendere intenda, gli altri in camper!

Oggi voglio scrivere di una mia direttissima esperienza di auto-guarigione, provata sulla mia pelle da me, come da molte altre persone che, spinti dalla curiosità e da una non rassegnazione ai verdetti medici, così poco soddisfacenti per chi aspira ad una conoscenza superiore, hanno voluto andare oltre i limiti del conosciuto.

Parlo della mia esperienza con la congiuntivite allergica che mi ha letteralmente tormentato per quasi 20 anni. Ricordo ancora che fin dalle scuole elementari, ad ogni primavera per me cominciavano i guai. Pollini, erbe, graminacee, pioppini nell’aia rappresentavano per me la fonte di potenti reazioni allergiche, che sfociavano in drammatiche congiuntiviti le quali mi gonfiavano gli occhi, che diventavano anche molto sensibili alla luce.

Non vi dico il prurito che mi provocava questa patologia e vivevo un gran conflitto nello sforzarmi a non grattarmi, perchè quando o facevo mi si gonfiavano, appunto, gli occhi e mi davano gran fastidio. Unico rimedio era un collirio di anti-istaminico, che dava un temporaneo sollievo agli socchi e teneva a bada la reazione allergiche negli occhi.

Tutto questo disagio si manifestava ogni anno da marzo-aprile a giugno, ma non mancavano episodi anche durante l’estate, soprattutto se giocavo nei prati in fiore. Un vero disagio.

Quello agli occhi era solo uno dei sintomi, in quanto l’allergia si manifestava anche a livello respiratorio con grandi espulsioni di muco da naso e bocca, oltre che con episodi di asma con difficoltà respiratorie, tosse e starnuti in continuazione.

Ebbene, all’età di 25 anni, tutto questo calvario finì.

Miracolo? Forse sì. I miracoli esistono, le auto-guarigioni esistono.

In quel periodo mi sono interessato di Igiene Naturale, in seguito ad alcuni problemi di intolleranze alimentari, difficoltà digestive, gonfiori addominali, astenia, depressione. Insomma, una serie di sintomi che mi portavano a vivere in maniera non proprio soddisfacente.

Premesso che, a mio avviso, la causa principale di ogni disagio fisico è sempre emotivo-psicologic-mentale, vi racconto ora come ho agito dal punto di vista fisico e principalmente nutrizionale.

Stavo studiando, dicevo, i principi dell’Igiene Naturale di Shelton & Co e dell’alimentazione vegan crudista e mi ero già reso conto che una detossificazione dell’organismo è fondamentale per il ripristino di uno stato di benessere psico-fisico.

Fu così, quindi, che approcciai al vegan crudismo. Cambiai completamente le mie abitudini alimentari, eliminando nemmeno tanto gradualmente carne e latticini di ogni genere e orientando le mie scelte verso i cibi di origine vegetale: cereali integrali, frutta, verdure principalmente.

I benefici furono subito visibili e mi rendevo conto che questa scelta mi stava portando dei grandi miglioramenti, tant’è che l’umore migliorava giorno per giorno, che lo stomaco si disinfiammava, i gonfiori diminuivano e l’energia aumentava, la mente diveniva più lucida e il riposo maggiormente ristoratore.

Era chiaro che la strada era quella giusta e quindi decisi di fare un ulteriore step. Decisi di fare un digiuno. All’epoca non conoscevo le mezze misure e pur di star bene ero disposto a tutto. Decisi, quindi, di appoggiarmi ad un esperto di digiuni e decidemmo insieme che avrei fatto un digiuno idrico di 10 giorni, seguito da 10 giorni di ripresa alimentare a base esclusivamente di frutta e qualche verdura.

E così feci. Mi trasferii a Piacenza, a casa di Daniele Bricchi e digiunai per 10 giorni e 10 notti. Seguirono, appunto, 10 giorni di ripresa alimentare in cui mi nutrivo di sola frutta fresca e qualche verdura. Nei mesi seguenti, mangiai prevalentemente cibo crudo e gradualmente, reinserii il cibo cotto con verdure, cereali, legumi, pur mantenendo un regime tendenzialmente crudista.

Vidi migliorare la mia salute giorno dopo giorno, fino a quando arrivò a primavera, quando ebbi una bellissima sospresa: la fastidiosissima congiuntivite quell’anno non si fece vedere. Avevo capito che la disintossicazione dei mesi precedenti aveva prodotto un grandissimo risultato e posso testimoniare che da allora sono passati sette anni e non ho avuto più nemmeno un singolo giorno di allergia primaverile. Nemmeno uno. Non credo serva aggiungere altro.

Devo precisare che non per tutti può essere indicato un digiuno così lungo. Io stesso, attualmente, non ripeterei più quell’esperienza. Farei piuttosto un digiuno più breve o un semidigiuno a succhi o a frutta, o semplicemente proseguirei con un’alimentazione vegan tendenzialmente crudista, per favorire una detossificazione soft. Questo è il consiglio che mi sento di dare ex post, frutto dell’esperienza di tutti questi anni di sperimentazioni.

NOTA BENE:
Questo blog è una raccolta di esperienze di auto-guarigione, di informazioni, nozioni, di carattere scientifico e non, che hanno lo scopo di aiutare il lettore a raggiungere uno stato di salute il più elevato possibile, in totale autonomia.
Tali nozioni non sono da intendersi come prescrizioni mediche, e non sono da sostituirsi ad esse. L’autore del blog non è un medico, ma bensì un ricercatore indipendente. Con le informazioni raccolte negli anni sulla base della propria esperienza e di studi effettuati in maniera indipendente, esso intende aiutare il lettore ad apprendere come preservare ed incrementare il proprio stato di salute, facendo leva sul potere di auto-guarigione che ognuno ha. Si consiglia pertanto, di utilizzare le nozioni presenti sul blog con buon senso. L’autore non si assume, pertanto nessuna responsabilità per l’uso improprio del materiale da parte del lettore. Si invita, anzi lo stesso lettore a sottoporre le informazioni presenti nel blog al proprio medico curante, prima di effettuare cambiamenti nel proprio stile di vita e alimentare.

SHARE
Consulente in Naturopatia e Consulente Scientifico del Comportamento Alimentare ex art. 2222 e segg. c.c.