Affrontare il cambiamento: “Who moved my cheese?” ci viene in aiuto

247

Affrontare il cambiamento non è sempre facile. A volte ci crea ansia, angoscia, sembra che i cada la terra sotto i piedi. Spesso abbiamo timori, resistenze. Tutto ciò pare sia molto frequente. Se capita anche a te, sappi che è tutto normale. Per superare queste paure è molto utile una pubblicazione di un autore americano.

Spencer Johnson ha scritto un libro dal titolo Chi ha spostato il mio formaggio? (Who moved my cheese, in lingua originale) che racconta in una breve storia i diversi modi in cui si può affrontare il cambiamento.

I protagonisti sono due topolini, Nasofino e Trottolino, e due gnomi, Tentenna e Risolino. Vivono tutti e quattro all’interno di un labirinto e sono alla ricerca del “formaggio” che li nutra e li faccia vivere felici. Il formaggio è la metafora di quello che noi desideriamo: un lavoro soddisfacente e appagante, una relazione d’amore, tranquillità economica e così via. Il labirinto è il mondo in cui cerchiamo quello che vogliamo: l’azienda in cui lavoriamo, la famiglia, ecc.

I quattro personaggi devono fronteggiare un cambiamento: il formaggio ad un certo punto finisce, cosa fare?
– Il topo Trottolino di fronte al cambiamento non ci pensa due volte e si lancia subito nel labirinto alla ricerca di nuovo formaggio.
– Il topo Nasofino fiuta il cambiamento, si accorge giorno per giorno che il formaggio sta per finire e quando è terminato capisce che l’unica soluzione è seguire Trottolino andando alla ricerca di altro formaggio.
– I due gnomi invece non fanno altro che disperarsi e domandarsi chi abbia spostato il loro formaggio: rimangono immobili, non accettano la realtà che cambia e sperano che il formaggio ricompaia. Dopo alcuni giorni lo gnomo Ridolino riflette sul cambiamento, capisce che se non fa nulla rischia di morire, così nonostante la paura si lancia nel labirinto e dopo tanta strada e tanta fatica trova un nuovo deposito di formaggio, lo stesso che gli amici topolini avevano già raggiunto.
(Fonte: https://www.ticonsiglio.com/cambiare-lavoro-paura-del-cambiamento/)


Qual è la morale della storia?
Questo breve racconto ci insegna che spesso la paura del cambiamento ci immobilizza, e ci fa perdere delle occasioni grandiose di crescita personale e professionale.
Se si comportassimo tutti come Tentenna, staremo sempre nella nostra zona di comfort, e non cercheremmo mai un’alternativa al nostro lavoro che non ci soddisfa, al nostro partner che non amiamo, alla nostra situazione che in generale non è pienamente in linea con ciò che siamo. RImarremmo perennemente a tenerci stretto ciò che magari ci danneggia. Ci terremmo saldamente stretto il nulla, piuttosto di rischiare con la prospettiva di trovare qualcosa di meglio, forse addirittura la felicità. Il topo Trottolino è stato il primo a cercare un’alternativa quando il formaggio è sparito. Ha agito d’impulso, ha seguito il suo cuore, l’istinto ed è stato il primo a trovare la felicità e la tranquillità, rappresentata da una nuova forma di formaggio.
La morale è quindi: se senti che il tuo cuore ti suggerisce un cambiamento, beh seguilo. La mente, la quale tiene in scacco Tentenna e Ridolino per alcuni giorni non ti aiuterà. Queti ultimi hanno rischiato di rimanere al punto di partenza, nella speranza che il formaggio tornasse a materializzarsi proprio lì dove era prima. Questo li avrebbe condotti alla morte di fame. QUando Ridolino si “lancia” nel labirinto per trovare una nuova via incontra l’ostacolo di Tentenna e delle sue paure. “E se poi ti succede qualcosa? E se ti perdi? E se non trovi il formaggio?” – queste erano le sue paure che lo paralizzavano. Invece, Ridolino parte e a mano a mano che avanza sente quella forza interiore che lo guida fino all’obiettivo finale della nuova forma di formaggio.

A volte possiamo decidere di cambiare, altre volte ne siamo costretti, in ogni caso prima ci abituiamo al cambiamento e prima allarghiamo i nostri orizzonti, verso una nuova crescita e una nuova realizzazione. Provando a cambiare, nella maggior parte dei casi ci renderemo conto che le nostre paure erano infondate.
Una massima del libro, scritta sul muro del labirinto dallo gnomo Ridolino è: “apprezza il cambiamento, assapora il gusto dell’avventura e goditi le delizie del nuovo formaggio”.

SHARE
Consulente in Naturopatia e Consulente Scientifico del Comportamento Alimentare ex art. 2222 e segg. c.c.